• CULTURA,  Culturale,  FALACE LUCA,  L'OPERA CELESTE,  LIBRI PUBBLICATI,  luca falace,  LUCAFALACE,  sincronicità,  SINCRONISMO CREATIVO

    L’Opera Celeste

    ESTRATTI | ARTICOLI

    L’OPERA CELESTE

    di Luca Falace

    FONTE IL GIORNALE DEI MISTERI 

    https://www.ilgiornaledeimisteri.it/

     

    https://www.ilgiornaledeimisteri.it/

    L’OPERA CELESTE

    LA STORICA NOTA RIVISTA

    IL GIORNALE DEI MISTERI

     

     

    https://www.ilgiornaledeimisteri.it/

    L’Opera Celeste è un’opera letteraria, un’opera figurativa, un’opera scultorea, un’opera musicale, un’invenzione, un film, una rivelazione.

    L’Opera Celeste è l’espressione del bene e dell’intelligenza dell’uomo evoluto.

    Essa si manifesta concretamente attraverso l’arte e la scienza.
    L’uomo Celeste è colui che riesce a unire sapientemente gli opposti: la creatività con la ragione, l’amore con l’intelligenza, il cuore con l’intelletto.

     

    Il mito ed il simbolo, lo spazio ed il tempo, l’essere e l’avere, l’arte e la scienza nel Romanzo, “L’Opera Celeste” sono la chiave di lettura per una visione più profonda dei contenuti. Il mito in questo caso si fonde con il simbolo, così come l’essere con l’avere, lo spazio con il tempo e l’arte con la scienza, in altre parole il tema di fondo è rappresentato dall’unione degli opposti. Questa complementarietà è il segno che rimanda ad un significato ultimo che l’essere umano, nel nuovo millennio, deve ancora riconoscere.

    Luca Falace

     

    LUCA FALACE L’OPERA CELESTE SU “IIL GIORNALE DEI MISTERI”
    LUCA FALACE L’OPERA CELESTE SU “IIL GIORNALE DEI MISTERI”
    TERZA EDIZIONE DEL ROMANZO ALCHEMICO L’OPERA CELESTE 2013
    “L’Opera Celeste”

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Autore: Luca Falace

    Titolo: “L’Opera Celeste”, Romanzo sull’antropologia della storia dell’arte,

    Prima edizione anno 2005, seconda edizione anno 2010, terza edizione 2013.

    Editore: IEMME EDIZIONI

    Formato: Cartaceo

    Argomenti: Cosmologia, Mitologia, Antropologia, Etnologia e Storia dell’Arte.

    DISPONIBILE IN TUTTE LE LIBRERIE LA FELTRINELLI

    L’OPERA CELESTE DISPONIBILE IN TUTTE LE LIBRERIE LA FELTRINELLI
    https://lucafalace.altervista.org/libri/
  • Arte e Scienza,  CULTURA,  Culturale,  dott. luca falace,  FALACE LUCA,  L'OPERA CELESTE,  LUCAFALACE,  studio

    Il Potere Alchemico della Consapevolezza

    ESTRATTI | ARTICOLI

    Colui che osserva cambia le cose. Il potere magnetico e alchemico della consapevolezza

    di Luca Falace, dal libro L’Opera Celeste

    FONTE Riccardo Lautizi

    Staff

    https://www.dionidream.com/potere-alchemico-consapevolezza/

    potere alchemico consapevolezza

    Il pensiero è la base geometrica. Ad ogni pensiero corrisponde un movimento e una forma atomica, dunque geometrica. In tal senso Pitagora parlò dell’armonia delle sfere. Secondo cui ogni corpo celeste, ogni atomo produce una vibrazione particolare, un determinato suono a seconda del movimento del ritmo, o appunto della vibrazione. La nostra energia cambia di polarità e di colore asseconda del nostro animo, del nostro stato psicofisico. Le emozioni hanno un colore, queste non sono visibili come nel camaleonte, simpatico animaletto. Colui che è in grado di osservare il corpo eterico noterà la notevole differenza di colori tra le persone. Il nostro complesso energetico, è evidenziato attraverso l’aura. Questa è un corpo energetico di luce colorata. Ad occhio nudo non è visibile.

    Circostanze, incontri e avvenimenti sono collegati alla nostra energia. Sperimentare eventi negativi significa sintonizzarsi su una bassa frequenza dei chakra. Sperimentare eventi positivi significa essere sintonizzati sulle alte frequenze dei chakra. Una delle rivelazioni più importanti di Lucas, consiste nella frequenza energetica degli eventi.

    Ogni essere emette una sintonia energetica, che corrisponde ad un determinato segnale, il quale è collegato ad un determinato chakra. L’utilizzo di determinati chakra, accomunerebbe esperienze simili ed eventi paralleli. Più persone che utilizzano un determinato chakra, si troveranno a vivere esperienze simili e parallele. Questo perché essi praticano la stessa vibrazione energetica, utilizzano gli stessi chakra. Questa energia, dovuta all’apertura di un determinato chakra, corrisponde ad una determinata frequenza energetica.

    Sin dall’antichità per elevare il livello di energia sono stati adoperati vari sistemi: l’uso dei suoni, dei colori, delle essenze, delle pietre, dei cristalli, dei massaggi, degli esercizi fisici, dello yoga, dell’alimentazione e la visita di bei luoghi. La conoscenza del suono creativo, si sviluppò in India attraverso le varie tecniche yoga. Sono i Mantra, suoni fisici e spirituali, che sono accompagnati a volte dai Mandala. Immagini artistiche simboliche e spirituali. Un suono può conciliare la meditazione. Questo perché stimola un determinato chakra, e una determinata zona del cervello. Un suono, preghiera, è accompagnato da un’immagine colorata geometrica astratta. Tali immagini rievocano un simbolismo archetipo e universale, che possiede la stessa funzione del suono, vale a dire di rilassamento e di trascendenza spirituale.

    Immaginiamo che ad ogni grado di complessità dell’essere, si formi una o più figure geometriche. Le persone, dunque, oltre ad essere alte, basse, magre e grasse, possono essere anche composte da una geometria eterea di svariate forme complesse o semplici, in rapporto al grado di complessità dell’energia celeste dell’essere. Il pensiero è in continuo movimento non si ferma mai anche quando dormiamo. Sta a noi indirizzarlo verso una via evolutiva, per una formazione etereo-geometrica pura e perfetta e non contorta e caotica. Una forma che rispecchi le proprietà atomiche non “radioattive”. Le quali creano vortici di forze negative. Questi si mutano in degli elementi acidi yin. Per fortuna ci sono persone alcaline yang, che riequilibrano il sistema e lo evolvono verso il costruttivismo intellettivo.

    Questo non vuol dire però che dobbiamo prestare attenzione a tutto ciò che pensiamo in ogni momento, ma bisogna invece, lasciare evolvere e far fluire i pensieri. Per poi condurli verso la positività. Si formeranno così intorno e dentro di noi, dei solidi platonici perfetti. La nostra struttura nel tempo e nello spazio, sarà perfetta, in armonia con l’anima e lo spirito. Questa è la trasmutazione del metallo grezzo in quello più prezioso; l’Oro. Questo è il mutamento della pietra grezza in quella più preziosa; il Diamante.

    Al contrario se si percorre il procedimento inverso, ossia quello di un essere legato alle brame materiali, nelle forme più primitive, avviene la corrosione tramite elementi acidi. Questi portano al caos della forma, fino ad arrivare alla struttura cellulare, quella molecolare e poi quell’atomica. Basta osservare la natura, nella sua perfezione delle forme, per capire l’evoluzione in quale direzione si volge. La conoscenza personale, di qualsiasi essere umano, è percepita dall’esterno come un universo a se stante. Una visione di una realtà definibile. All’interno di un’anima, risiede uno spazio unico in continuo movimento.  Molte volte colui che ha disegnato la struttura, difficilmente la riconosce. Inavvertitamente opera, in ogni caso attraverso un disegno e lo modifica continuamente mutandone la forma.

    Noi siamo composti dal tutto. I rapporti umani si basano su scambi d’energia. Gli atomi si mescolano e vengono a fondersi con altri atomi. Le particelle di uno o più persone si mescolano, in base alla loro frequenza, come filamenti residui tra un essere ed un altro. Essi continuano il collegamento. Per questo motivo a volte, si creano delle dipendenze tra due o più persone, poiché si comunica erroneamente con una cerchia ristretta. Bisognerebbe prima accrescere la singola anima, la propria personalità, e poi condividerla con l’intera comunità. Il risultato di quest’ultima esperienza è l’equilibrio del corpo e della mente. Questo equilibrio si acquisisce frequentando solo ed esclusivamente se stessi. Poi l’intero mondo esterno.

    L’inezia mentale, conduce alla sonnolenza e al torpore, all’annebbiamento della mente, alla depressione e all’abbattimento. La devozione alla ricchezza e al potere producono l’inquietudine e l’aridità spirituale. Queste forze che volgono dalle bassezze mentali, possono essere senza sforzo stemperate, attraverso la meditazione e le buone azioni karmiche.

    La meditazione tiene la mente attiva, lucida, attenta e tranquilla. La meditazione è il mezzo attraverso cui si giunge alla consapevolezza indiscriminate, alla conoscenza, alla onniscienza. Attraverso la meditazione si raggiunge la Śamatha, l’abbraccio della mansueta calma interiore, e la Vipaśyanā, la via dell’intuizione che tutto osserva. Con la pratica della meditazione avviene la dissoluzione dei garbugli emotivi, dei bassi istinti e delle poco profonde ideologie. Attraverso l’esercizio della meditazione scaturisce un sentimento di armonia, e d’unità con tutti gli altri esseri. Nasce un’energia morale, serena, nobile e persistente. L’espressione emotiva di questa pratica è la gioia. La calma e la spontaneità assicurano alla mente la libertà dal mondo dei desideri, queste sono le basi della meditazione, che portano al risveglio della consapevolezza.

    Ogni cosa è legata a qualche altra cosa. Tutto vive un eterno collegamento, che non può essere etichettato o spiegato con la superficiale logica. Nulla è fisso tutto è in movimento. Nulla è stabile per sua propria natura. L’esistenza è un intreccio di avvenimenti, percezioni, desideri, emozioni, correlazioni tra persone e cose. Nell’uomo comune la conoscenza è indiretta, essa proviene dal mondo esterno. Tutti quelli che hanno sviluppato la consapevolezza della loro stessa esistenza, si sono accorti che facciamo tutti parte di un unico disegno. Non bisogna dimenticare che ogni realtà è soggettiva e relativa. Vige il libro arbitrio, così come la condizione evolutiva è in parte una scelta individuale. Il pensiero Orientale ci insegna e ci fa riflettere prima di agire o prima di non agire. Se la mente dimora nel Sé superiore, ossia l’anima, allora ella godrà di felicità continua. I pensieri si sviluppano nella mente, mentre il corpo è immerso nelle tre dimensioni o mondo fisico.

    Quel che uno pensa quello è il suo mondo. Ciò che pensa quello diventa, ciò che mangia quello incorpora e quello diventa.

    Noi rendiamo concreto quello stato magnetico, che attira le correnti simili. Le polarità, le forze o fluidi contrari, si attraggono, mentre i simili si respingono. Così quando nella mente germoglia un pensiero è come se noi, ipoteticamente, l’avessimo già commesso. Com’è noto due polarità, due forze o fluidi contrari si attraggono, mentre quelle simili si respingono. Le correnti della mente attirano i contrari degli stati d’animo del corpo. Mentre i contrari degli stati d’animo del corpo attirano le correnti della mente. Questo vuol dire che quando il nostro stato d’animo ci fa pensare o desiderare intensamente una cosa, inevitabilmente la richiamiamo, ma una corrente contraria alla nostra volontà, si oppone e la respinge. Solamente quando non desideriamo più questa cosa essa ci giunge o si manifesta.

    Noi stessi realizziamo, quello stato diciamo magnetico che attira le correnti simili. Se un pensiero diventa costante, l’essere che lo crea diventa, con il tempo, la manifestazione del pensiero stesso. Siamo il risultato di ciò che pensiamo, di ciò che mangiamo e di ciò che facciamo o diciamo. I pensieri hanno effetto su di noi, e sull’ambiente che ci circonda. L’individuo che dorme, il non illuminato che si lega alle illusioni della materia, agli attaccamenti, alle discriminazioni, ai pregiudizi, alla negatività e alla distruttiva critica negativa crea l’illusione del Samsāra, il mondo della continua reincarnazione. La realtà del mondo esterno e dunque relativa, essa è mutevole e non ha una sua esistenza autonoma. Nella teoria della mutazione dell’universo, nella meccanica quantistica, tutto dipende da colui che osserva. Colui che osserva cambia le cose.

    Estratto dal libro “L’Opera Celeste” di Luca Falace

    Leggi anche

    Il Segreto Mitologico. Coincidenze nell’arte, nei miti e nelle leggende contemporanee

    Sincronismo Creativo. Come sviluppare e riconoscere le sincronicità


    luca falaceLuca Falace, nato in Italia, il 15 Dicembre del 1970, Laureato alla Facoltà di Lettere all’indirizzo Storico Artistico Contemporaneo. Nella sua tesi in Antropologia Culturale sul fenomeno delle divinazioni, evidenzia la relazione con le origini dell’arte attraverso la ricerca della simbologia del mito, presente nelle tradizioni popolari. Insegnate di storia dell’arte, creatore di opere pittoriche e musicali, designer di prodotti industriali, ideatore di macchinari per il benessere del corpo umano e mediatore nel settore dei Brevetti Industriali Internazionali. Da oltre un decennio è impegnato nell’analisi antropologica dell’arte e nello studio degli eventi paralleli. Ha pubblicato con Iemme edizioni anche Il Segreto Mitologico e Il sincronismo creativo (2013).

     

  • FALACE LUCA,  L'ARTE ALCHEMICA,  L'ARTE INTELLETTUALE,  L'OPERA CELESTE,  luca falace,  SINCRONISMO CREATIVO

    VIDEO-INSTALLAZIONE_MOSTRA_ARTE E LETTERATURA_DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO DI LUCA FALACE

     

     video-installazione_autore luca falace
     La Scrittura Automatica è stata usata come metodologia artistico-letteraria, da una delle più importanti Avanguardie Artistiche dei primi del Novecento: il Surrealismo. Tale corrente, in relazione con la psicoanalisi, cercò di far comprendere la limitata visone razionale dell’intelletto umano. André Breton, nel primo Manifesto Surrealista del 1924, definì così il surrealismo:

     

    «Automatismo psichico puro, attraverso il quale ci si propone di esprimere, con le parole o la scrittura o in altro modo, il reale funzionamento del pensiero.»

     

    Le realizzazioni surrealiste si basano, dunque, sul principio della “Scrittura Automatica”. Questa scaturisce dalla libera associazione di idee, di origine inconscia. Il surrealismo, dunque, pose le sue basi sull’automatismo psichico. Il prodotto di tale fenomenologia dell’inconscio è paragonabile a quella parte di noi, che emerge durante la dimensione onirica oppure meditativa.

     

    Tale fenomenologia a mio parere si collega, per tali motivi e per quelli già esposti nei miei saggi pubblicati, ad una serie di determinati sincronismi creativi. Questi inoltre viaggiano parallelamente, in coesistenza ed in opposizione, con eventi fenomenici di natura sincronica, in riferimento alla Teoria della Sincronicità degli Eventi Paralleli.”  
     Luca Falace

     

    Titolo della Mostra Personale di Luca Falace: 

    DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO ARTE E LETTERATURA 

    Esposizione delle Opere figurative, astratte e letterarie di Luca Falace_Comune di Napoli _

    Periodo e durata della Mostra: dal 17 APRILE al 30 APRILE 2013
    Luogo: Complesso Monumentale di San Severo al Pendino_Via Duomo, Napoli 
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO PELELLA_ARCHITETTI 
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_FABRIZIA COSTACIMINO
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO VECCI_ARCHITETTI 
    FOTO LUCA FALACE
    FOTO PAOLA TUFO 
    FOTO BRUNO RIZZI 
    PUBBLICAZIONI IEMME EDIZIONI 

    L’autore, quale storico dell’arte, letterato ed infine artista e ricercatore autonomo espone il “risultato” sempre in divenire di più di un decennio di studi. Le sue opere, come i volumi pubblicati, sono il documento che testimonia la lunga ricerca nel campo delle forme artistiche relative alla sfera degli eventi paralleli. Uno studio figurativo della storia dell’arte attraverso l’interpretazione dei molteplici stili nei diversi periodi storici fino a giungere a quello che l’autore stesso ha denominato 
    SINCRONISMO CREATIVO La scrittura e l’arte, non sono speculazione intellettuale o artistica, ma strumenti per indagare nel pensiero culturale più alto di ogni tempo: il mistero dell’esistenza. L’arte assume il suo ruolo originario di archetipo quale mezzo di interazione con il mondo fenomenico e metafisico. L’ arte e il simbolo si fondono grazie alla scrittura automatica simbolica, fenomenologia dell’inconscio che emerge durante la dimensione onirica e meditativa. 

    BIOGRAFIA Luca Falace nasce a Napoli il 15 Dicembre del 1970, si laurea alla Facoltà di Lettere indirizzo Storico Artistico Contemporaneo. Nella sua tesi in Antropologia Culturale indaga la relazione esistente tra il fenomeno delle divinazioni e le origini dell’arte, attraverso la simbologia del mito presente nelle tradizioni popolari. Le sue opere evidenziano l’archetipo più profondo del concetto d’arte; quello mitico e simbolico. Le svariate attività svolte nel corso degli anni contraddistinguono la sua personalità poliedrica: docente di storia dell’arte, compositore di opere pittoriche e musicali, scrittore di oltre dieci libri, designer di prodotti industriali, ideatore di macchinari per il benessere del corpo e mediatore nel settore dei Brevetti Industriali Internazionali. Da oltre un decennio è impegnato nello studio dell’aspetto antropologico dell’arte, nell’analisi degli eventi paralleli (da cui la teoria sul Sincronismo Creativo), nella ricerca inerente la mitologia ermetica e nella promozione dell’arte attraverso i Social Network. 

    http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/21376

     

  • FALACE LUCA,  L'ARTE INTELLETTUALE,  L'OPERA CELESTE,  luca falace,  MINISTERO DEI BENI CULTURALI,  SINCRONISMO CREATIVO

    MOSTRA_ARTE E LETTERATURA_DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO DI LUCA FALACE

    Titolo della Mostra Personale di Luca Falace: 
    DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO ARTE E LETTERATURA 

    Esposizione delle Opere figurative, astratte e letterarie di Luca Falace_Comune di Napoli _

    Periodo e durata della Mostra: dal 17 APRILE al 30 APRILE 2013
    Luogo: Complesso Monumentale di San Severo al Pendino_Via Duomo, Napoli 

    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO PELELLA_ARCHITETTI 
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_FABRIZIA COSTACIMINO
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO VECCI_ARCHITETTI 
    FOTO LUCA FALACE
    FOTO PAOLA TUFO 
    FOTO BRUNO RIZZI 
    PUBBLICAZIONI IEMME EDIZIONI 

    L’autore, quale storico dell’arte, letterato ed infine artista e ricercatore autonomo espone il “risultato” sempre in divenire di più di un decennio di studi. Le sue opere, come i volumi pubblicati, sono il documento che testimonia la lunga ricerca nel campo delle forme artistiche relative alla sfera degli eventi paralleli. Uno studio figurativo della storia dell’arte attraverso l’interpretazione dei molteplici stili nei diversi periodi storici fino a giungere a quello che l’autore stesso ha denominato 
    SINCRONISMO CREATIVO La scrittura e l’arte, non sono speculazione intellettuale o artistica, ma strumenti per indagare nel pensiero culturale più alto di ogni tempo: il mistero dell’esistenza. L’arte assume il suo ruolo originario di archetipo quale mezzo di interazione con il mondo fenomenico e metafisico. L’ arte e il simbolo si fondono grazie alla scrittura automatica simbolica, fenomenologia dell’inconscio che emerge durante la dimensione onirica e meditativa. 

    BIOGRAFIA Luca Falace nasce a Napoli il 15 Dicembre del 1970, si laurea alla Facoltà di Lettere indirizzo Storico Artistico Contemporaneo. Nella sua tesi in Antropologia Culturale indaga la relazione esistente tra il fenomeno delle divinazioni e le origini dell’arte, attraverso la simbologia del mito presente nelle tradizioni popolari. Le sue opere evidenziano l’archetipo più profondo del concetto d’arte; quello mitico e simbolico. Le svariate attività svolte nel corso degli anni contraddistinguono la sua personalità poliedrica: docente di storia dell’arte, compositore di opere pittoriche e musicali, scrittore di oltre dieci libri, designer di prodotti industriali, ideatore di macchinari per il benessere del corpo e mediatore nel settore dei Brevetti Industriali Internazionali. Da oltre un decennio è impegnato nello studio dell’aspetto antropologico dell’arte, nell’analisi degli eventi paralleli (da cui la teoria sul Sincronismo Creativo), nella ricerca inerente la mitologia ermetica e nella promozione dell’arte attraverso i Social Network. 

    http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/21376

    foto evento di luca falace

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

  • FALACE LUCA,  L'ARTE ALCHEMICA,  L'ARTE INTELLETTUALE,  L'OPERA CELESTE,  luca falace,  MAV,  MINISTERO DEI BENI CULTURALI,  PAN,  SINCRONISMO CREATIVO

    MOSTRA_ARTE E LETTERATURA_DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO DI LUCA FALACE

    Titolo della Mostra Personale di Luca Falace: 
    DIACRONIA FIGURATIVA E SINCRONISMO CREATIVO ARTE E LETTERATURA 

    Esposizione delle Opere figurative, astratte e letterarie di Luca Falace_Comune di Napoli _

    Periodo e durata della Mostra: dal 17 APRILE al 30 APRILE 2013
    Luogo: Complesso Monumentale di San Severo al Pendino_Via Duomo, Napoli 

    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO PELELLA_ARCHITETTI 
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_FABRIZIA COSTACIMINO
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO VECCI_ARCHITETTI 
    FOTO LUCA FALACE
    FOTO PAOLA TUFO 
    FOTO BRUNO RIZZI 
    PUBBLICAZIONI IEMME EDIZIONI 

    L’autore, quale storico dell’arte, letterato ed infine artista e ricercatore autonomo espone il “risultato” sempre in divenire di più di un decennio di studi. Le sue opere, come i volumi pubblicati, sono il documento che testimonia la lunga ricerca nel campo delle forme artistiche relative alla sfera degli eventi paralleli. Uno studio figurativo della storia dell’arte attraverso l’interpretazione dei molteplici stili nei diversi periodi storici fino a giungere a quello che l’autore stesso ha denominato SINCRONISMO CREATIVO La scrittura e l’arte, non sono speculazione intellettuale o artistica, ma strumenti per indagare nel pensiero culturale più alto di ogni tempo: il mistero dell’esistenza. L’arte assume il suo ruolo originario di archetipo quale mezzo di interazione con il mondo fenomenico e metafisico. L’ arte e il simbolo si fondono grazie alla scrittura automatica simbolica, fenomenologia dell’inconscio che emerge durante la dimensione onirica e meditativa. 

    BIOGRAFIA Luca Falace nasce a Napoli il 15 Dicembre del 1970, si laurea alla Facoltà di Lettere indirizzo Storico Artistico Contemporaneo. Nella sua tesi in Antropologia Culturale indaga la relazione esistente tra il fenomeno delle divinazioni e le origini dell’arte, attraverso la simbologia del mito presente nelle tradizioni popolari. Le sue opere evidenziano l’archetipo più profondo del concetto d’arte; quello mitico e simbolico. Le svariate attività svolte nel corso degli anni contraddistinguono la sua personalità poliedrica: docente di storia dell’arte, compositore di opere pittoriche e musicali, scrittore di oltre dieci libri, designer di prodotti industriali, ideatore di macchinari per il benessere del corpo e mediatore nel settore dei Brevetti Industriali Internazionali. Da oltre un decennio è impegnato nello studio dell’aspetto antropologico dell’arte, nell’analisi degli eventi paralleli (da cui la teoria sul Sincronismo Creativo), nella ricerca inerente la mitologia ermetica e nella promozione dell’arte attraverso i Social Network. 

    http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/21376

    foto bruno rizzi

  • FALACE LUCA,  L'ARTE ALCHEMICA,  L'ARTE INTELLETTUALE,  L'OPERA CELESTE,  luca falace,  MAV,  MINISTERO DEI BENI CULTURALI,  PAN,  SINCRONISMO CREATIVO

    MOSTRA_ARTE E LETTERATURA_STUDIO DEI SINCRONISMI CREATIVI_SINCRONISMO CREATIVO DI LUCA FALACE

    LUCA FALACE_MOSTRA SINCRONISMO CREATIVO_ARTE E LETTERATURA

    Titolo della Mostra Personale di Luca Falace: 
    SINCRONISMO CREATIVO 
    ARTE E LETTERATURA 

    Esposizione delle Opere figurative, astratte e letterarie di Luca Falace_Studio Vecci Architetti _

    Periodo e durata della Mostra: dal 21 FEBBRAIO al 28 FEBBRAIO  2013
    Luogo: Studio Vecci Architetti_Studio Pelella_Costa Cimino

    foto di bruno rizzi

    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO PELELLA_ARCHITETTI 
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_FABRIZIA COSTACIMINO
    PROGETTO ALLESTIMENTO E GRAFICA_STUDIO VECCI_ARCHITETTI 
    FOTO bruno rizzi
    PUBBLICAZIONI IEMME EDIZIONI 

    L’autore, quale storico dell’arte, letterato ed infine artista e ricercatore autonomo espone il “risultato” sempre in divenire di più di un decennio di studi. Le sue opere, come i volumi pubblicati, sono il documento che testimonia la lunga ricerca nel campo delle forme artistiche relative alla sfera degli eventi paralleli. Uno studio figurativo della storia dell’arte attraverso l’interpretazione dei molteplici stili nei diversi periodi storici fino a giungere a quello che l’autore stesso ha denominato SINCRONISMO CREATIVO La scrittura e l’arte, non sono speculazione intellettuale o artistica, ma strumenti per indagare nel pensiero culturale più alto di ogni tempo: il mistero dell’esistenza. L’arte assume il suo ruolo originario di archetipo quale mezzo di interazione con il mondo fenomenico e metafisico. L’ arte e il simbolo si fondono grazie alla scrittura automatica simbolica, fenomenologia dell’inconscio che emerge durante la dimensione onirica e meditativa. 


  • COPYRIGHT,  DST,  FALACE LUCA,  L'ARTE ALCHEMICA,  L'ARTE INTELLETTUALE,  L'OPERA CELESTE,  luca falace,  MAV,  MINISTERO DEI BENI CULTURALI,  PAN,  SINCRONISMO CREATIVO

    COPYRIGHT DI LUCA FALACE_MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI_MAV_DST_PAN_L’ARTE INTELLETTUALE_L’ARTE ALCHEMICA_SINCRONISMO CREATIVO_L’OPERA CELESTE

    LUCA FALACE_COPYRIGHT_MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI
    MAV_DST_PAN
    L’ARTE INTELLETTUALE_L’ARTE ALCHEMICA
    SINCRONISMO CREATIVO_L’OPERA CELESTE